FREEZ – “Always Friends”

freez always friends

Nelle case di Schio esistono dei garage che, quando ci entri, funzionano un po’ come l’armadio di Narnia. Ti potrebbe capitare che l’odorino persistente di muffa e scatoloni chiusi di certe salette prova padane si trasformi, imbevuto di riverberini e chitarre sbracate, in quello di salsedine delle spiagge californiane. Ma forse questo è solo un mio viaggio.

Più ascolto l’esordio dei FREEZ però (e l’ho fatto tante volte da ottobre), e più simile a questa è l’immagine che si concretizza nella mia testa. Always Friends è un disco agrodolce, fatto di 10 caramelle dall’involucro pop ma dal cuore surf punk, nel quale il gusto per la melodia è sempre condito al punto giusto con quel piglio garage saltellante che ti porta a prenderti a gomitate nei fianchi ai concerti. Questa volta voglio essere diretto da subito: quella che hanno portato al tavolo questi slackeroni veneti, praticamente miei coetanei, è secondo me una delle proposte italiane più entusiasmanti degli ultimi mesi. Per loro, Ty Segall potrebbe essere lo zio giovane, simpatico e strambo, Ron Gallo il cugino che ti fa vedere i primi accordi sulla classica e Pete Shelley il nonno, senza dimenticare i weekend padre-figlio con l’imprescindibile John Dwyer. E Cobain sempre nel cuore. L’estetica musicale dei FREEZ, infatti, è senza dubbio molto ben definita e viaggia su rotaie storicamente consolidate. Ma di stile, loro, ne hanno a pacchi. Le canzoni, sempre in accordo con queste linee guida, sono semplici e direttissime: alcune hanno l’aria degli spintoni e delle cose che ci si urla in faccia quando non si sa quello che si sta facendo, altre sanno più di quando ci si abbraccia per riconciliarsi. Tutte, in ogni caso, rimangono appiccicate al cervello come gomma da masticare perché parlano di storie che sono già un po’ nostre. Che sia sull’asfalto di un’autostrada americana o, più realisticamente, sui sedili di un treno regionale o di una Fiat Panda sgangherata che viaggia su qualche Provinciale nebbiosa del nord Italia, questi pezzi suonano come un ritorno a casa, dagli Amici di Sempre. Musica per alleggerire il cuore.

PS: da consumare preferibilmente dal vivo

ANNO: 2019
ETICHETTA: Wild Honey Records
GENERE: garage
PROVARE PER CREDERE: Heads, Uuh Uuh, Bleeding Skies, Guess You’r Bipolar, Soul, Probblems, Basement. Oltre all’album: Witch, Badweed, My Throat Burns, Parents
Ascolta l’album
Compra “Always Friends”
Segui FREEZ
Segui Wild Honey Records
Segui pizze di liquirizia

 

Un pensiero riguardo “FREEZ – “Always Friends”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...